Certosa di Ferrara - Atlante Cimiteri monumentali
Certosa di Ferrara

Cimiteri Storici Monumentali: l'Atlante

Non solo luoghi della memoria collettiva ma anche ricco patrimonio storico e artistico del Paese e 'bene culturale' da visitare e valorizzare

L’idea di valorizzare i cimiteri monumentali come luoghi della memoria collettiva, è alla base del protocollo d’intesa tra MiBACT e SEFIT (servizi funerari italiani) associata ad Utilitalia, firmato nel mese di ottobre del 2016.

Tra i principali punti dell’intesa anche la realizzazione dell’Atlante dei cimiteri in formato digitale. A distanza di un anno, la prima stesura comprende: il Cimitero Monumentale del Verano, il complesso monumentale della Certosa di Ferrara, la Certosa di Bologna, lo Staglieno di Genova, il Cimitero Monumentale di Milano e il Cimitero Monumentale di Torino.

Atlante Cimiteri Storici

Tutti luoghi dell’anima dove riscoprire il piacere del silenzio, della riflessione, circondati dal verde e dai magnifici gruppi scultorei ottocenteschi che sembrano riecheggiare gesta e pensieri degli illustri sepolti.

Questa prima stesura – scaricabile al momento solo in versione Pdf – rientra nella strategia complessiva che il MiBACT sta portando avanti tramite il Piano Strategico per il Turismo (PST). Per valorizzare il patrimonio culturale italiano minore, incentivare il turismo lento, diffuso e sostenibile, che decongestioni le grandi città e i grandi attrattori in favore di destinazioni meno conosciute, ma altrettanto ricche di fascino.

Quello dei Cimiteri monumentali rappresenta un settore di turismo diverso dal solito, un turismo che trova interesse a livello internazionale fin dal 2001, da quando l’Association of Significant Cemeteries in Europe (ASCE) ha promosso il riconoscimento dei cimiteri come patrimonio dell’umanità e la creazione della European Cemeteries Route, un percorso lungo sessantasette cimiteri monumentali compresi i sei dell’Atlante. Non a caso il cimitero Père Lachaise, a Parigi accoglie ogni anno oltre 3,5 milioni di visitatori interessati al riposo – in uno dei luoghi della memoria più noti del mondo – di illustri personaggi come Oscar Wilde, Marcel Proust o Jim Morrison.

Si calcola che a livello mondiale siano quattrocentodiciassette i cimiteri con un forte potenziale d’interesse turistico. La maggior parte sono in Europa (con l’83,5% del totale), mentre il resto è diviso tra Asia, America, e Oceania. In quest’ambito l’Italia, tra tutti i paesi europei, ha il primato dei cimiteri di interesse turistico – oltre il 55% del totale – oltre centonovanta cimiteri distribuiti su tutto il territorio nazionale, la maggior parte dei quali è situata tra Toscana, Sicilia e Emilia Romagna.

 

Foto di copertina, Certosa di Ferrara. Fonte: Wikipedia

Notizie

1Cammino