Il Ministro Centinaio a Mosca tra turismo ed enogastronomia

Obiettivo del viaggio consolidare gli scambi turistici con il mercato russo e individuare nuovi segmenti di mercato, a partire da quello legato al turismo enogastronomico

La visita di due giorni del ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del Turismo Gian Marco Centinaio in Russia è stata l’occasione per consolidare i rapporti istituzionali con i rappresentanti del Cremlino, incontrare imprenditori e esponenti della comunità d’affari italiana e visitare la Fiera Prodexpo , la più grande esposizione del settore del cibo, delle bevande e dei prodotti alimentari grezzi nel mercato russo .

Primo appuntamento, l’incontro con il viceministro dello sviluppo economico, delegato al turismo, Sergej Sergeevich Galkin . Il vertice è stato occasione per consolidare gli scambi turistici con il mercato russo e individuare nuovi segmenti di mercato, a partire da quello legato al turismo enogastronomico.
Centinaio ha sottolineato come in entrambi i Paesi le competenze per il Turismo sono state di recente oggetto di traferimento tra ministeri: in Russia dalla Cultura allo Sviluppo Economico, in Italia dalla Cultura all’Agricoltura. “Ci siamo resi conto che la Russia ha le nostre stesse esigenze: decongesionare le grandi città” , ha dichiarato il ministro, spiegando che come il governo russo cerca di portare i flussi turistici lontano dalle due città principali (Mosca e San Pietroburgo), l’obiettivo di quello italiano è il rilancio del turismo enogastronomico, dei piccoli borghi, dei pellegrinaggi ma anche terme e crociere .

Quanto al bilaterale Italia-Russia , l’ultimo accordo vigente in materia turistica è stato firmato nel 2016 ed è valido fino al 2019. “Dobbiamo presentare le proposte dal 2020-2021 . Abbiamo anche un gruppo di lavoro bilaterale, che da fabbraio dell’anno scorso non si riunisce”, ha precisato Centinaio, sottolineando che entrambi i ministeri sono rallentati dalla fase di “start up” che stanno attraversando.
L’obiettivo delle parti è quello di giungere attraverso la presentazione di proposte alla firma del nuovo accordo.

Il ministro ha poi visitato la Fiera Prodexpo che rappresenta uno degli appuntamenti settoriali di maggior richiamo per la Russia sia per i produttori che per i buyers del settore agroalimentare dove l’Italia è presente con il Padigione “The Extraordinary Italian Taste” .

1Cammino