Shopping Tourism
Sala convegno

Shopping Tourism Italian Monitor

Presentata nella sede di Confcommercio a Roma la nuova edizione del rapporto di ricerca curato da Risposte Turismo

Circa 1,5 milioni di turisti scelgono di visitare ogni anno Firenze, Milano, Roma, Torino e Venezia per l’offerta nelle città legate allo shopping, spendendo una media di 110 euro a testa al giorno divise tra spesa in abbigliamento (60%) seguita da accessori e pelletteria (17,3%) e cosmetica e profumeria (3,6%).
Questi alcuni aspetti che emergono dal legame tra shopping e turismo dalla nuova edizione di Shopping Tourism Italian Monitor, presentato a Roma venerdì 24 novembre nella sede di Confcommercio, unico evento dedicato allo shopping tourism in Italia ideato e organizzato da Risposte Turismo.
Milano risulta la città con il maggiore appeal per i turisti che hanno nello shopping la motivazione principale del viaggio (15,4%), seguita da Firenze (6%) e Roma (3,8%), un po’ più staccate seguono Venezia (1,4%) e Torino (1,1%).

Logo Shopping Tourism

Lo shopping tourism – ha dichiarato il Direttore Generale del Turismo, Francesco Palumbo e il momento dell’acquisto in particolare, sono parte importante dell’aspettativa di vivere all’italiana, spesso alla base del desiderio di visita dell’Italia. L’impegno del MiBACT e del Governo nei confronti dello shopping tourism, in parte in essere e in parte ancora da sviluppare, è volto a favorire quanto più possibile l’acquisto di produzioni italiane. Acquisti che si possono fare anche nei centri storici di piccole e medie città d’arte per sviluppare il legame tra città e borghi, mete dei flussi turistici, con le tante produzioni di qualità dei territori limitrofi.

“Il forum italiano – ha proseguito il Direttore Generale –  può avere un ruolo determinante nel percorso di crescita di questo fenomeno perché, accanto all’impegno del pubblico, molto dipende dal lavoro sinergico da fare con produttori e imprenditori del commercio”. “E questo –ha concluso Palumbo – è un momento molto favorevole per investire. Non solo economicamente, ma con una visione condivisa che rappresenta la ragione per cui, come Governo, abbiamo proceduto ad approvare un Piano Strategico per il Turismo”.

Notizie

Stagione Turistica 2017

2017: numeri record

Sia i dati ufficiali che delle Associazioni di categoria confermano al rialzo numeri e tendenze già registrati nei primi mesi dell'anno

1Cammino