TTG di Rimini: il futuro dell’industria turistica

Sarà il Ministro Gian Marco Centinaio ad aprire ufficialmente la 55a edizione della manifestazione dedicata all’industria turistica

Torna con la 55esima edizione – alla Fiera di Rimini dal 10 al 12 ottobre – il TTG Travel Experience, maggior marketplace B2B in Italia e tra gli eventi più importanti del comparto turistico a livello europeo.

L’edizione 2018 sarà inaugurata ufficialmente dal ministro Gian Marco Centinaio, presente all’evento di apertura insieme al Presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, al Sindaco di Rimini, Andrea Gnassi e al Presidente di Italian Exhibition Group – società organizzatrice della manifestazione – Lorenzo Cagnoni.

Il Ministro per le Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Senatore Gian Marco Centinaio, ha annunciato che dedicherà all’appuntamento ben 48 ore per avere modo di incontrare il maggior numero possibile di operatori e associazioni tra cui i balneari per la questione Bolkestein.

Come per le scorse edizioni, saranno moltissimi gli argomenti di confronto ma la nuova edizione vedrà al centro dell’attenzione, oltre alla maggior personalizzazione di vacanze sempre più cucite sul cliente, il futuro discutendo su temi come l’Overtourism, i Millennials, la Generazione Z, e ”homo ludens”.

Nel suo ultimo report Long-Term Megatrends 2018, l’Italian Institute for the Future, che sarà tra i protagonisti del prossimo TTG, parla dell’Overtourism, inserito tra i dieci mega trend del futuro su scala globale. Una dinamica già in atto che sta portando ad una serie di provvedimenti da parte di governi e amministrazioni locali, ma che in futuro entreranno sempre più a sistema. Tra le tematiche più evidenti quella della gentrification, il fenomeno per cui in un quartiere non elitario, ma turistico, arrivano persone con capacità di spesa più elevata che fanno lievitare i prezzi d’affitto.

Inoltre, dagli studi riportati sul numero speciale del Journal of Tourism Futures emergono dinamiche rilevanti per quanto riguarda non solo l’uso dei social network e dei media digitali nelle scelte relative ai consumi turistici dei Millennials e della Generazione Z, ma anche e soprattutto l’emergere di tendenze inedite sul piano del turismo sostenibile, della sharing economy e del turismo LGBT.

Infine, nuovi modelli di consumo si affacciano all’orizzonte. Il gioco, in particolare, governerà molte delle logiche di consumo future: in modi diversi tutti i brand dovranno confrontarsi con questo tema e con un cliente sempre più homo ludens.

Punto di riferimento saranno i contenuti messi a punto dall’Osservatorio ‘TTG Industry Vision’ che presenterà i nuovi paradigmi di consumo. Contributo per territori e aziende, per elaborare strategie e proposte in grado di rispondere opportunatamente alle diverse esigenze e alle nuove dinamiche della domanda turistica.

I numeri si annunciano piuttosto corposi: 70 mila presenze da oltre 90 Paesi, con oltre 1500 buyer internazionali, che si divideranno negli oltre 200 eventi programmati e dislocati nelle otto arene all’interno dei padiglioni. Arene dove interverranno oltre 300 relatori insieme ai più autorevoli attori dell’industria turistica internazionale.

Oltre il TTG Incontri si prosegue con la formula dei tre tronconi nella manifestazione riminese. In contemporanea, infatti, si svolgeranno il 67esimo Sia Guest, dedicato all’hotellerie e il 36/o SUN Beach&Outdoor Style, il salone dedicato a stabilimenti balneari, outdoor e campeggio.

Ma il TTG 2018 sarà anche la tribuna scelta da Matera Capitale europea della Cultura 2019, per illustrare le sue proposte.

Dell’assegnazione del Premio Italia Destinazione Digitale, dedicato alla regione più amata dai turisti, assegnato su una base di 15 milioni di recensioni raccolte da Booking.com, Tripadvisor, Expedia, Google, Facebook, Airbnb e altri.

In anteprima l’indagine sui trend di domanda del turismo scolastico curata da GeeTrips, prima piattaforma specializzata in viaggi d’istruzione, che per la realizzazione dello studio ha intervistato oltre 1300 docenti delle scuole secondarie italiane.

Fra i tanti temi presenti anche la presentazione di: Your Disability Manager, il servizio che incontra la domanda di accessibilità per disabili riscontrabile nel 13% della popolazione mondiale. Un ulteriore tassello nell’ambito di attenzione ai temi della disabilità e accessibilità che registrerà tra i partecipanti, anche il contributo del ministro Centinaio.

Sarà infine il Messico, sesto paese più visitato al mondo con i suoi 39,3 milioni di visitatori annui, il country partner dell’edizione 2018.

Notizie

1Cammino