32 Via Amerina – Cammino della Luce

Sull’antica strada asse portante del ‘Corridoio Bizantino’

Mostra/Nascondi gli elementi della mappa

La Via Amerina – Cammino della Luce ripercorre l’antica strada asse portante del Corridoio Bizantino. Un lembo di terra fortemente militarizzato che, tra il VI e il VII secolo, garantiva i collegamenti tra i possedimenti dell’Esarcato di Ravenna e il Ducato Romano, spaccando a metà i possedimenti italiani dei Longobardi.

Tra le storie del Corridoio Bizantino la donazione di Re Liutprando dei Longobardi a Papa Zaccaria del gruppo di città sottratte ai Bizantini, tra cui i comuni di Amelia, Orte e Gallese, tutt’ora attraversati dalla Via Amerina. Il dono, oltre a risultare una sorta di primo nucleo dello Stato Pontificio, rappresentò anche una prima, pesante, perdita di peso strategico dei Bizantini garantendo, al contempo, la trasformazione in principale via di comunicazione per Perugia, grazie anche ai ripristinati collegamenti con la Cassia e la Flaminia.

Via Amerina - Cammino della Luce - Torre Dodecagonale - Amelia
Torre Dodecagonale – Amelia

Forti testimonianze del passato sono presenti lungo tutto il Cammino. Dalle antiche strade ricavate dal tufo conosciute come ‘tagliate falische’, alle catacombe paleocristiane passando per i castelli e i monasteri medievali. Un patrimonio archeologico, storico, culturale ed artistico quindi, tutto da scoprire.

Appare evidente inoltre l’importanza rappresentata dal Tevere quale fiume della storia d’Italia e di Roma oltre che del richiamato Corridoio Bizantino. Sia sul piano storico, culturale, archeologico, economico, antropologico e naturalistico.
E il Cammino, per gran parte del tracciato, si sviluppa lungo l’asse del fiume che, in Umbria, costituisce per molti tratti anche un percorso ciclo-pedonale attrezzato e in via di ulteriori rafforzamenti. L’asse del Tevere è caratterizzato, oltre che dall’omonimo parco regionale, da alcuni piccoli parchi attrezzati a carattere locale.

1Cammino