Garavaglia: "Italia e Germania insieme per un turismo sicuro e sostenibile, 'verde' e dinamico"

È intervenuto così, il Ministro del Turismo, nel suo primo incontro istituzionale ufficiale, nella Conferenza Stampa per la giornata inaugurale dell’ITB di Berlino (9 – 12 marzo 2021), in ambiente digitale

Per la sua prima presenza pubblica istituzionale, il Ministro del Turismo Massimo Garavaglia è intervenuto alla conferenza stampa organizzata in collaborazione con ENIT – Agenzia Italiana per il Turismo per l’inaugurazione dell’ITB di Berlino, la Borsa Internazionale del Turismo che costituisce la più importante fiera commerciale del comparto “business to business” (B2B), quest’anno interamente in ambiente digitale, dal 9 al 12 marzo 2021.

«La Germania è un partner storico e strategico per il comparto turistico dell’Italia. Prima della pandemia, i visitatori tedeschi hanno rappresentato il gruppo più significativo, sia in termini di presenza che di reddito prodotto. Nel 2019, hanno pernottato 59milioni di turisti tedeschi, spendendo circa 7,6miliardi di euro», con un aumento del 7,4 percento rispetto al 2018 e una incidenza del 17,2 percento sul totale internazionale, ha detto Garavaglia.

Ma «l’amore per il nostro Paese non si può ridurre in termini numerici».

Sia per l’Italia che per la Germania, ha aggiunto il Ministro, il turismo è «un comparto “cruciale”, per l’economia e per il lavoro, per la società e per la cultura». Produce oltre 4milioni di posti di lavoro. Grazie ai flussi turistici «è migliorata la conoscenza reciproca delle nostre popolazioni e si sono rafforzati i legami sociali, sviluppando una forte collaborazione e amicizia tra i due Paesi», che «condividono un comune interesse al ritorno a una industria turistica forte, sicura e coordinata».

In questo contesto si è svolto l’incontro tra il Ministro Garavaglia e il Segretario di Stato tedesco Thomas Bareiss, per lavorare insieme «in stretta collaborazione, in accordi bilaterali anche oltre il livello europeo», in particolare, per «un’azione congiunta a Bruxelles sulla mobilità sicura, al fine di garantire la ripresa».

Per il Ministro Garavaglia, proprio la possibilità di siglare accordi di questa natura è «uno dei vantaggi dell’istituzione del nuovo Ministero del Turismo».

«I turisti tedeschi hanno alte aspettative in termini di servizi e noi siamo pronti ad accoglierli», nell’ambito di un turismo post-pandemico “trasformato”, ha affermato il Capo Dicastero italiano.

Come sarà, dunque, il turismo post emergenza sanitaria da COVID-19? Certamente – ha continuato Garavaglia – più «dinamico e centrato sull’esperienza outdoor, all’aria aperta; legato alla sicurezza sanitaria; esperienziale; “verde” e sostenibile». Fiducia, responsabilità e affidabilità sono, ormai, infatti, elementi essenziali per i viaggiatori di ogni tipo.

«Come ha detto il premier Draghi nel discorso di insediamento, questo Governo investe sul turismo in termini di maggiore competitività e sostenibilità». Il Belpaese è il “nostro prodotto eccezionale”; «il nostro impegno – ha concluso il Ministro del Turismo italiano – è di renderlo fruibile in modo sicuro, efficace e sostenibile, in sinergia tra Governi, Regioni, imprese private e associazioni di categoria».

«Insieme ce la faremo a “tornare alla normalità” in un mondo migliore».

All’ITB digital di Berlino sono presenti circa 400 operatori italiani del settore turistico, undici Regioni (Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, FVG, Liguria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Toscana, Trentino e la Repubblica di San Marino) e tre Comuni (Genova, Sanremo, Bordighera). In programma sulla piattaforma digitale molti eventi per raccontare l’accoglienza e attrattività del brand Italia.

Leggi Tutto
1Cammino